intopic.it
  • Pubblicità

    Pubblicità

  • Pubblicità

    Pubblicità

  • Pubblicità

    Pubblicità

  • Pubblicità

    Pubblicità

  • Pubblicità

    Pubblicità

  • Pubblicità

    Pubblicità

  • Pubblicità

    Pubblicità

  • Pubblicità

    Pubblicità

  • Pubblicità

    Pubblicità

  • Pubblicità

    Pubblicità

  • Pubblicità

    Pubblicità

  • Pubblicità

    Pubblicità

  • Pubblicità

    Pubblicità

  • Pubblicità

    Pubblicità

  • Pubblicità

    Pubblicità

  • Pubblicità

    Pubblicità

  • Pubblicità

    Pubblicità

  • Pubblicità

    Pubblicità

  • Pubblicità

    Pubblicità

  • Pubblicità

    Pubblicità

  • Pubblicità

    Pubblicità

  • Pubblicità

    Pubblicità

  • Pubblicità

    Pubblicità

  • Pubblicità

    Pubblicità

  • Pubblicità

    Pubblicità

  • Pubblicità

    Pubblicità

  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
  • 6
  • 7
  • 8
  • 9
  • 10
  • 11
  • 12
  • 13
  • 14
  • 15
  • 16
  • 17
  • 18
  • 19
  • 20
  • 21
  • 22
  • 23
  • 24
  • 25
  • 26

"Caveman, il gigante nascosto" di Tommaso Landucci vince il premio Marzocco come miglior film del 40° ValdarnoCinema Film Festival

Print Friendly, PDF & Email
"Caveman, il gigante nascosto" di Tommaso Landucci vince il premio Marzocco come miglior film del 40° ValdarnoCinema Film Festival

Il corto “Ofelia” di Pierfrancesco Bigazzi vince il premio Marzocco come miglior cortometraggio

San Giovanni Valdarno (Arezzo) 8 ottobre  – È "Caveman, il gigante nascosto" di Tommaso Landucci - che racconta la creazione di una delle opere più ambiziose e affascinanti dello scultore toscano Filippo Dobrilla, Il gigante dormiente realizzato a 650 metri di profondità in una grotta delle Alpi Apuane - ad aggiudicarsi il Premio Marzocco per il miglior film del 40° ValdarnoCinema Film Festival che si è tenuto dal 5 al 9 ottobre a San Giovanni Valdarno (Arezzo). Il premio è stato assegnato dalla giuria composta dal regista Duccio Chiarini; Simone Emiliani, giornalista e critico cinematografico e Donatella Pascucci, della Direzione Cinema del Ministero della Cultura.

La giuria ha assegnato il premio Marzocco, simbolo della Città di San Giovanni Valdarno, intitolato a Marino Borgogni, a "Caveman, il gigante nascosto" di Tommaso Landucci, con la seguente motivazione: “Per la complicità e discrezione con cui il regista ha creato un ritratto umano e d’artista che resta addosso e commuove e per la generosità con cui Filippo Dobrilla ci ha aperto il suo mondo”.

Il premio Marzocco per il miglior film cortometraggio in assoluto è andato a “Ofelia” di Pierfrancesco Bigazzi, regista di San Giovanni Valdarno, sulla storia di Ofelia, protagonista nonna del regista e memoria vivente di una famiglia intera. Si legge nella motivazione della giuria: “Per la sensibilità con cui l’autore riesce a fermare il tempo trasformando un racconto di vita in memoria condivisa e per l’amore di un ritratto familiare che diventa universale”. 

La giuria ha inoltre assegnato i seguenti premi: il premio “Amedeo Fabbri” alla migliore interpretazione maschile per i cortometraggi a Peter Mullan per "Don vs lighting" di Big Red Button, e per i lungometraggi a  Riccardo Lanzarone del film "La grande guerra del Salento" di Marco Pollini. Il Premio “Amedeo Fabbri” alla migliore interpretazione femminile a Khadija Jaafari per "Californie" di Alessandro Cassigoli e Casey Kaufmann per i lungometraggi e a Giulia Melillo per il cortometraggio "Bertie mi ha scritto una poesia" di Vittoria Rizzardi Penalosa. 

Il premio “Banca del Valdarno”, al film capace di mettere in risalto i valori della cooperazione e della solidarietà, è stato assegnato a "Il fronte che unisce" di Zorba Brizzi. Tra gli altri riconoscimenti:  il premio “Cineclub Fedic Sangiovannese” intitolato a Luciano Becattini, al miglior film diretto da registi nati o residenti in Toscana è stato assegnato a “Caveman, il gigante nascosto” di Tommaso Landucci; il Premio Diari di Cineclub composto dalla giuria formata da Alberto Castellano, Maria Antonietta Fenu e Nino Genovese per il miglior film è stato assegnato a “Ma nuit” di Antoinette Boulat; il premio “Franco Basaglia” assegnato dalla giuria composta da Loredana Betti, Stefano Dei e Alessandra Guidi al film che meglio rappresenti le tematiche della salute mentale nel nostro presente in Italia e nel mondo è stato assegnato al cortometraggio “Ofelia” di Pierfrancesco Bigazzi e infine il premio A.N.P.I, assegnato dal direttivo della sezione A.N.P.I Valdarno a “Il fronte che unisce” di Zorba Brizzi, al miglior film capace di rappresentare i valori storici e ideali dai quali è nata la Costituzione della Repubblica Italiana.

Il festival, il cui comitato organizzatore è presieduto da Luigi Nepi, docente di critica cinematografica all’Università di Firenze, si svolge con la collaborazione del Comune di San Giovanni Valdarno e del Cineclub Fedic sangiovannese, con il patrocinio della Regione Toscana e il supporto di Fondazione Sistema Toscana. La nuova direzione artistica è stata affidata a Marco Luceri, critico cinematografico e coordinatore del gruppo toscano del Sindacato Nazionale Critici Cinematografici Italiani.

Read 65 times
Print Friendly, PDF & Email

Media

Torna su intopic.it
JSN Time 2 is designed by JoomlaShine.com | powered by JSN Sun Framework