intopic.it
  • Pubblicità

    Pubblicità

  • Pubblicità

    Pubblicità

  • Pubblicità

    Pubblicità

  • Pubblicità

    Pubblicità

  • Pubblicità

    Pubblicità

  • Pubblicità

    Pubblicità

  • Pubblicità

    Pubblicità

  • Pubblicità

    Pubblicità

  • Pubblicità

    Pubblicità

  • Pubblicità

    Pubblicità

  • Pubblicità

    Pubblicità

  • Pubblicità

    Pubblicità

  • Pubblicità

    Pubblicità

  • Pubblicità

    Pubblicità

  • Pubblicità

    Pubblicità

  • Pubblicità

    Pubblicità

  • Pubblicità

    Pubblicità

  • Pubblicità

    Pubblicità

  • Pubblicità

    Pubblicità

  • Pubblicità

    Pubblicità

  • Pubblicità

    Pubblicità

  • Pubblicità

    Pubblicità

  • Pubblicità

    Pubblicità

  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
  • 6
  • 7
  • 8
  • 9
  • 10
  • 11
  • 12
  • 13
  • 14
  • 15
  • 16
  • 17
  • 18
  • 19
  • 20
  • 21
  • 22
  • 23

mod_eprivacy

RECENSIONE FILM. The Gentlemen

Print Friendly, PDF & Email
RECENSIONE FILM. The Gentlemen

Una commedia nera popolata da gangster e da marijuana, piena di intrighi e con un sottotesto metacinematografico

L'americano Michael Pearson (Matthew McConaughey) è il re della marijuana in Inghilterra. Con un piede nella malavita e l'altro nell'alta aristocrazia, Pearson e sua moglie (Michelle Dockery) vogliono vendere il loro impero. Si scatenerà una guerra fra bande senza precedenti!

 

Dopo gli acrobatici film su Sherlock Holmes (2009/2011) e su Aladdin (2019), dopo la rivisitazione di Re Artù (King Arthur: il potere della spada - 2017) e le spy-story anni '60 (Operazione U.N.C.L.E. - 2015), Guy Ritchie rispolvera i suoi amati gangster da strada, fra marijuana, giochi di potere e una violenza dai tratti ironici. Quei personaggi che hanno popolato "Lock & Stock" (1998), "Snatch" (2000), "Revolver" (2005) e "RocknRolla" (2008), decretando il successo di questo cineasta inglese.

In "The Gentlemen" Guy Ritchie abbandona quella dinamicità che ha caratterizzato i suoi ultimi lavori, preferendo dei movimenti di macchina più elementari molto più adatti alla sceneggiatura del film, molto più dialogato rispetto alle sue pellicole "hollywoodiane". 

"The Gentlemen" parte in modo confuso, con scene senza un senso logico apparente, che disorienta lo spettatore. Un inizio che viaggia tra il cinema e il meta-cinema e che caratterizza in più punti il resto del film.

Una vicenda vera o frutto della fantasia del suo autore? Lo si scopre guardando il film, che dopo questa confusione inziale comincia a trovare una sua strada, che man mano che si delinea cambia improvvisamente rotta, per poi virare a destra, poi a sinistra, per poi tornare indietro e cambiare ancora strada. Un percorso tortuoso composto da tanti intrighi dove la violenza è ha un inizio e una fine, ma non lo sviluppo. 

La scelta di Ritchie del rifiutare quell'abuso di pulp e gore che caratterizza questo genere di film è in linea con i suoi "Gentlemen":  bulletti ironici che non puntano a uccidere ma più che altro a intimorire.

"The Gentlemen" è un ottimo intrattenimento per gli amanti della commedia nera, dei gangster movie e delle trame tortuose e indecifrabili. 

Ora visibile su Prime Video.

Titolo: THE GENTLEMEN

Con: MATTHEW McCONAUGHEY, CHARLIE HUNNAM, MICHELLE DOCKERY, JEREMY STRONG, HENRY GOLDING, EDDIE MARSAN,

COLIN FARRELL, HUGH GRANT

Fotografia: ALAN STEWART - Musica: CHRISTOPHER BENSTEAD

Scenografia: GEMMA JACKSON - Montaggio: JAMES HERBERT, PAUL MACHLISS

Prodotto da: GUY RITCHIE, IVAN ATKINSON, BILL BLOCK

Co-produttore: MATTHEW McCONAUGHEY, MX KEENE

Produttori Esecutivi: MATTHEW ANDERSON, ADAM FOGELSON, ANDREW GOLOV, ALAN WANDS,

ROBERT SIMONDS, BOB OSHER

Soggetto: GUY RITCHIE, IVAN ATKINSON, MARS DAVIES

Sceneggiatura e Regia: GUY RITCHIE

Distribuzione: AMAZON PRIME VIDEO

The Gentlemen - Trailer

Read 337 times

Last modified on Giovedì, 03/12/2020

Print Friendly, PDF & Email

Media

Torna su intopic.it
JSN Time 2 is designed by JoomlaShine.com | powered by JSN Sun Framework