intopic.it
  • Pubblicità

    Pubblicità

  • Pubblicità

    Pubblicità

  • Pubblicità

    Pubblicità

  • Pubblicità

    Pubblicità

  • Pubblicità

    Pubblicità

  • Pubblicità

    Pubblicità

  • Pubblicità

    Pubblicità

  • Pubblicità

    Pubblicità

  • Pubblicità

    Pubblicità

  • Pubblicità

    Pubblicità

  • Pubblicità

    Pubblicità

  • Pubblicità

    Pubblicità

  • Pubblicità

    Pubblicità

  • Pubblicità

    Pubblicità

  • Pubblicità

    Pubblicità

  • Pubblicità

    Pubblicità

  • Pubblicità

    Pubblicità

  • Pubblicità

    Pubblicità

  • Pubblicità

    Pubblicità

  • Pubblicità

    Pubblicità

  • Pubblicità

    Pubblicità

  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
  • 6
  • 7
  • 8
  • 9
  • 10
  • 11
  • 12
  • 13
  • 14
  • 15
  • 16
  • 17
  • 18
  • 19
  • 20
  • 21

RECENSIONE FILM. Borat: Seguito di Film Cinema

RECENSIONE FILM. Borat: Seguito di Film Cinema

Un sequel fedele all'originale, che affronta il Covid e il fenomeno Trump con una satira scorretta e demenziale.

Punito e mal considerato dal suo amato Kazakistan, l'ex giornalista Borat (Sacha Baron Cohen) viene richiamato dal governo per una importante missione: regalare una scimmia al vice presidente USA Mike Pence e conquistare la fiducia di Trump. Borat accetta l'incarico ma, al posto della scimmia, si ritrova sua figlia Tutar (Maria Bakalova): ora sarà lei il regalo per Mike Pence! 

Sacha Baron Cohen riprende il suo iconico personaggio che ebbe tanto successo 14 anni fa, creando un nuova nuova occasione per fare satira degli Stati Uniti.

Argomento di discussione sono il Covid e il fenomeno (Mc)Donald Trump, che il film affronta di petto nel corso di lunghi mesi di riprese tra gli stati USA in piena ondata pandemica ed elettorale.

Il rapporto padre-figlia ricalca quello nonno-nipote di "Jackass - Nonno Cattivo", ma in un ottica più "moralista" nelle scene di finzione e più "spregiudicata" nelle candid camera che, oltre al vice presidente Mike Pence, coinvolgono anche l'avvocato di Trump Rudy Giuliani, mentre tenta apparentemente di corteggiare la 15enne Tutar.

Che sia una satira polarizzata e non generalista è ben evidente, così come il messaggio politico che dal film traspare a pochi giorni dalle elezioni americane.

La parte più divertente è sicuramente il Kazakistan di Borat, che torna prepotentemente con la sua umana disumanità; così come le interazione dei protagonisti con le ignare vittime delle candid camera.

A 14 anni il personaggio di Borat continua a far discutere e divertire anche se, rispetto alle origini, sembra fastidiosamente più "maturo".

 

Titolo: BORAT - SEGUITO DI FILM CINEMA (Borat: Subsequent Moviefilm)

Con: SACHA BARON COHEN, MARIA BAKALOVA, DANI POPESCU, RUDY GIULIANI, MIKE PENCE

Fotografia: LUKE GEISSBUHLER - Musica: ERRAN BARON COHEN

Montaggio: CRAIG ALPERT, MIKE GIAMBRA, JAMES THOMAS 

Prodotto da: SACHA BARON COHEN, ANTHONY HINES, MONICA LEVINSON

Produttori esecutivi: PETER BAYNHAM, BUDDY ENRIGHT, NICHOLAS HATTON, STUART MILLER

Produttori Associati: JORDAN COHEN, RACHEL HEIN, LEE KERN

Soggetto: SACHA BARON COHEN, ANTHONY HINES, DAN SWIMER, NINA PEDRAD

Sceneggiatura: SACHA BARON COHEN, ANTHONY HINES, DAN SWIMER, PETER BAYHNAM,

ERICA RIVINOJA, DAN MAZER, JENA FRIEDMAN, LEE KERN

Regia: JASON WOLINER

Distribuzione: AMAZON

Borat: Seguito di Film Cinema - Trailer

Read 195 times

Last modified on Lunedì, 26/10/2020

Torna su intopic.it
JSN Time 2 is designed by JoomlaShine.com | powered by JSN Sun Framework