intopic.it
  • Pubblicità

    Pubblicità

  • Pubblicità

    Pubblicità

  • Pubblicità

    Pubblicità

  • Pubblicità

    Pubblicità

  • Pubblicità

    Pubblicità

  • Pubblicità

    Pubblicità

  • Pubblicità

    Pubblicità

  • Pubblicità

    Pubblicità

  • Pubblicità

    Pubblicità

  • Pubblicità

    Pubblicità

  • Pubblicità

    Pubblicità

  • Pubblicità

    Pubblicità

  • Pubblicità

    Pubblicità

  • Pubblicità

    Pubblicità

  • Pubblicità

    Pubblicità

  • Pubblicità

    Pubblicità

  • Pubblicità

    Pubblicità

  • Pubblicità

    Pubblicità

  • Pubblicità

    Pubblicità

  • Pubblicità

    Pubblicità

  • Pubblicità

    Pubblicità

  • Pubblicità

    Pubblicità

  • Pubblicità

    Pubblicità

  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
  • 6
  • 7
  • 8
  • 9
  • 10
  • 11
  • 12
  • 13
  • 14
  • 15
  • 16
  • 17
  • 18
  • 19
  • 20
  • 21
  • 22
  • 23

Una corretta alimentazione riduce l'ipertensione

Print Friendly, PDF & Email
Una corretta alimentazione riduce l'ipertensione

L'ipertensione arteriosa è un aumento anormale e prolungato della pressione arteriosa ossia della forza esercitata dal sangue sulle pareti delle arterie. Ma che relazione esiste tra questa patologia e l'alimentazione?

La pressione arteriosa è influenzata: 

  • Dalla forza di contrazione del cuore;
  • dalla frequenza cardiaca (ossia il numero di battiti del cuore in 1 minuto);
  • dalla elasticità dell'aorta e delle grandi arterie;
  • dalla quantità di sangue che viene espulsa ad ogni contrazione del ventricolo cardiaco (gittata sistolica);
  • dalle costrizioni che possono essere presenti nelle piccole arterie (resistenze periferiche).

La conseguenza è che la pressione arteriosa può aumentare o diminuire in caso di: stress, rigidità dei vasi sanguigni, presenza di placche aterosclerotiche, contrazione violenta di un muscolo durante un esercizio fisico, disidratazione, emorragia, ecc. Durante l'invecchiamento i valori pressori tendono ad aumentare a causa della perdita di elasticità delle arterie dovuta alla formazione di placche aterosclerotiche oppure durante la menopausa. 

I valori normali della pressione arteriosa sono di 120-130 mmHg per la pressione sistolica (massima) e di 70-80 per la pressione diastolica (minima). Per valori pressori superiori si parla di ipertensione che può essere di due tipi: essenziale (primitiva o idiopatica) quando non si conoscono le cause e secondaria quando si conoscono le cause e si può tentare di risolverla. Le cause dell'ipertensione essenziale possono essere molteplici: alcuni tipi di farmaci, il fumo, l'obesità, fattori genetici, abitudini alimentari, stress, ipercolesterolemia, diabete, sedentarietà, invecchiamento, carattere instabile e irascibile. Mentre, le cause dell'ipertensione secondaria possono essere: farmaci, liquirizia, sale da cucina, problemi tiroidei, patologie surrenaliche, problemi renali, ecc.

L'ipertensione può insorgere causando, inizialmente, sintomi generici come: cefalea, vertigini, epistassi, ronzii alle orecchie; in seguito si possono generare danni indotti dall'ipertensione su degli organi particolarmente delicati come: cuore, rene, cervello e retina.

Come può una corretta alimentazione prevenire o ridurre i sintomi e i danni causati dall'ipertensione arteriosa?

L'alimentazione sbagliata è uno dei fattori che causano l'ipertensione e seguendo dei semplici consigli nutrizionali è possibile prevenire o migliorare lo stato patologico generato dall'ipertensione arteriosa. I consigli raccomandati dai nutrizionisti sono i seguenti:

  1. Ridurre il peso corporeo;
  2. ridurre il consumo di carboidrati raffinati ( farina 00, bevande zuccherate, dolci, ecc.)
  3. ridurre il consumo di cibi ricchi di sodio, infatti, la dose giornaliera prevista di sale da cucina è di massimo 2 g;
  4. ridurre o eliminare il consumo di alcoolici , la dose massima consentita è di 226 g di birra, 113 g di vino, 30 g di superalcolici;
  5. ridurre il consumo di formaggi stagionati, preferite i latticini;
  6. ridurre il consumo di carni insaccate e affumicate; 
  7. ridurre il consumo di prodotti conservati che possono contenere conservanti e esaltatori di sapidità a base di sodio;
  8. ridurre il consumo di caffeina (presente nel caffè, tè, coca cola, cioccolata, ecc.);
  9. non consumare liquirizia che contiene acido glicirrizico il quale ha una enorme affinità con l'ormone aldosterone artefice dell'aumento della pressione sanguigna; 
  10. consumare cibi integrali e pori in sale;
  11. fare un regolare esercizio aerobico di 30-40 minuti per 3-4 volte a settimana;
  12. date sapore ai cibi utilizzando spezie ed erbe aromatiche;
  13. consumate carne bianca e pesce, riducete il consumo di carni rosse.

Comprendo che cambiare lo stile di vita e lo stile alimentare risulta, spesso, difficile o impossibile. Con l'aiuto di una dieta personalizzata, adeguata ai vostri gusti e al vostro stile di vita, potete tentare di migliorare la vostra qualità di vita. Una consulenza nutrizionale adeguata vi potrà rimettere in forma in breve tempo. 

Ricordate che la vita è una gara a ostacoli e, se volete guadagnarvi gli anni futuri, dovete cercare di superare ogni ostacolo che incontrerete nel vostro cammino... Spero che il vostro obiettivo sia sempre quello di vincere!

Read 619 times

Last modified on Mercoledì, 02/09/2020

Print Friendly, PDF & Email

Media

Torna su intopic.it
JSN Time 2 is designed by JoomlaShine.com | powered by JSN Sun Framework