intopic.it
  • Pubblicità

    Pubblicità

  • Pubblicità

    Pubblicità

  • Pubblicità

    Pubblicità

  • Pubblicità

    Pubblicità

  • Pubblicità

    Pubblicità

  • Pubblicità

    Pubblicità

  • Pubblicità

    Pubblicità

  • Pubblicità

    Pubblicità

  • Pubblicità

    Pubblicità

  • Pubblicità

    Pubblicità

  • Pubblicità

    Pubblicità

  • Pubblicità

    Pubblicità

  • Pubblicità

    Pubblicità

  • Pubblicità

    Pubblicità

  • Pubblicità

    Pubblicità

  • Pubblicità

    Pubblicità

  • Pubblicità

    Pubblicità

  • Pubblicità

    Pubblicità

  • Pubblicità

    Pubblicità

  • Pubblicità

    Pubblicità

  • Pubblicità

    Pubblicità

  • Pubblicità

    Pubblicità

  • Pubblicità

    Pubblicità

  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
  • 6
  • 7
  • 8
  • 9
  • 10
  • 11
  • 12
  • 13
  • 14
  • 15
  • 16
  • 17
  • 18
  • 19
  • 20
  • 21
  • 22
  • 23

A Grottaglie in mostra “Immagini di un mondo ferito” di Angelo Calianno

Print Friendly, PDF & Email
A Grottaglie in mostra “Immagini di un mondo ferito” di Angelo Calianno

“Immagini di un mondo ferito” è il racconto fotografico dell’esperienza di Angelo Calianno, in mostra dall’8 luglio al 6 agosto presso l’Ex Frantoio di Grottaglie, sito in Via Crispi 57, nel cuore del Quartiere delle Ceramiche. 

Calianno è un reporter freelance che negli anni ha vissuto e documentato il tessuto sociale di alcuni dei luoghi più complessi del mondo. Il mondo ferito dal quale provengono i trenta scatti che compongono questa mostra si chiama Afghanistan, Iraq, Armenia, Palestina, Chad, Sudan, Somalia. Calianno, da oltre quindici anni impegnato in questi territori, racconta con la sua macchina fotografica e con lunghe ed approfondite interviste ai locali gli strascichi e le conseguenze di conflitti apparentemente lontani che abbiamo recentemente rivalutato quando la devastazione è arrivata sul nostro uscio di casa. 

Angelo Calianno, classe 1979, da giovanissimo comincia ad abbinare alla sua passione per il viaggio con lo studio. L’esigenza di raccontare popoli e realtà a molti sconosciuti lo porta ad abbandonare il suo lavoro come giornalista per riviste di trekking per concentrarsi sul racconto del tessuto sociale di svariati paesi tra Medio Oriente, Africa, Sud America e Asia. Calianno, nei suoi lavori, ha approfondito la questione israelo-palestinese, la “desapariciòn” sudamericana, e le guerre intestine africane abbinando al suo mestiere di fotoreporter l’impegno per i diritti umani contro l'impiego dei “bambini soldato”, i sequestri nel Sud America e organizzando raccolte fondi e di beni a supporto delle popolazioni che negli anni ha conosciuto e raccontato, L’esperienza di Calianno è documentata sul suo sito www.senzacodice.com.

La mostra, curata dal fotografo locale Andrea D’Aversa, sarà inaugurata l’8 luglio alle ore 18:30 alla presenza di Calianno e del Prof. Pietro Cantanna, docente di diritto, esperto della situazione geopolitica di Medio Oriente, Sud America, Africa ed Asia. La mostra sarà visitabile tutti i giorni dalle ore 10:00 alle ore 13:00 e dalle ore 15:00 alle 20:00.

Calianno, sempre presso l’Ex Frantoio, terrà due workshop, il 16 e il 17 luglio, nella quale illustrerà quali sono i piccoli passi da muovere per approcciarsi a questo mondo, dalla fase dello studio e progettazione della storia, fino a come muoversi sul campo. Un workshop pragmatico in cui al centro ci sarà l’approccio al mondo reale del reportage, spesso molto chiuso e inarrivabile.

Read 78 times
Print Friendly, PDF & Email

Media

Torna su intopic.it
JSN Time 2 is designed by JoomlaShine.com | powered by JSN Sun Framework